Una tavola sempre meno Made in Italy

Una tavola sempre meno Made in Italy

Il più copiato e il più ambito. Il made in Italy fa gola, anche a tavola. Ci ritroveremo in mano con un pugno di mosche? Non bastavano i pomodori San Marzano coltivati in Usa o in Cina, il “Parma salami” del Messico e il prosciutto dell’Est Europa, il Parmesao del Brasile, il Pesto statunitense, l’olio Romulo con tanto di lupa venduto in Spagna, il Chianti della California, una curiosa “mortadela” siciliana dal Brasile, un “salami calabrese” prodotto in Canada, il barbera bianco rumeno, il provolone del Wisconsin….

Anche l’autentico made in Italy, ossia no italian sounding (come viene definito ciò che “suona” al modo italiano) né contraffatto, sta diventando sempre meno nostro, e sempre più straniero. Perché i gioielli alimentari tricolore piacciono a Russi, Francesi, Giapponesi… che nella logica del mercato (voglio dunque compro) aprono il portafogli e si portano a casa pezzi d’identità nazionale. “Dopo la cessione del prestigioso marchio Gancia ad un oligarca russo e della Parmalat ai francesi della Lactalis, la cessione del 51% della Ar Alimentari spa, il primo produttore italiano di pomodori pelati, alla società anglo-nipponica Princes controllata dal gigante Mitsubishi – ha commentato il presidente della Coldiretti Sergio Marini – conferma la grande appetibilità del Made in Italy alimentare”.

Quindi speranze puntate verso la filiera possibilmente corta, àncora di salvezza per l’agroalimentare italiano. “È necessario accelerare il progetto di filiera agricola italiana – ha proposto Marini come strada possibile – che veda direttamente protagonisti gli agricoltori per garantire quel legame con il territorio che ha consentito ai grandi marchi di raggiungere traguardi prestigiosi, candidandosi così ad essere i nuovi protagonisti della trasformazione agroalimentare nazionale”.

Ma guarda un po’… l’industria alimentare italiana è molto buona per i fini appetiti altrui. Che lentamente, ma neppure troppo, e inesorabilmente ci troveremo spogliati delle nostre certezze? La firma piemontese degli spumanti Gancia è ormai nelle salde mani di Roustam Tariko (oligarca russo della vodka) che ne ha rilevato il 70%, Buitoni dal 1988 appartiene all’elvetica Nestlé, proprietaria anche di Antica Gelateria del Corso, Perugina e altri marchi ex-italiani. Agli spagnoli Deoleo sono passate aziende storiche del settore dell’olivicoltura come Bertolli, Carapelli, Sasso. Unilever, colosso anglo-olandese, si è portato a casa i gelati Algida e la bolognese Santa Rosa, brand molto noto nel mercato delle confetture italiane.

L’ultima in ordine di tempo è un’azienda di rilievo del settore dei pelati, simbolo di un modo di essere “pizza e mandolino”, che passa nella sostanza ai Giapponesi. “La Ar è attiva nella produzione di conserve ed ha un fatturato di circa 300 milioni di euro con stabilimenti in Campania e in Puglia a Borgo Incoronata, a due passi da Foggia. Solo il 20% delle vendite del gruppo hanno l’Italia come meta finale, mentre il giro d’affari all’estero spazia fra il 30% per l’Inghilterra, il 20 per la Germania, il 10 per l’Africa, l’8 per la Francia, con una percentuale minore per Grecia, Stati Uniti, Canada, Giappone, Austria e Sud America. L’inglese Princes – conclude la Coldiretti – è controllata dalla Mitsubishi Corporation dal 1989 ed ha realizzato da allora ben 22 acquisizioni e fusioni classificandosi tra le società europee con maggiore rapidità di crescita”.

Ma sì: diventeremo tutti cittadini del mondo… o sarà il mondo ad espropriarci della nostra identità?

 

I panini Negroni

Tutte le idee, trucchi e segreti per rendere speciale un panino

panino farcito con Salame Milano, melanzane fritte, mozzarella e basilico

Salamis: il panino con Salame Milano, melanzane fritte, mozzarella e basilico

Amigo con pane integrale prosciutto cotto, peperoni e provola

Amigo: panino con prosciutto cotto, peperoni grigliati e provola affumicata

Club sandwich ricetta light

Panini farciti light: le ricette bilanciate per gli sportivi

Le ricette Negroni

Pranzo in spiaggia

Pranzo in spiaggia: le ricette fresche ed estive

Ricette estive veloci

5 ricette estive veloci pronte in 10 minuti

panino classico con prosciutto cotto

Panini con il prosciutto cotto, tutte le ricette | Negroni

Crocchette di pane e cubetti di cotto

Crocchette di pane e cubetti di cotto

Patatine arricchite con formaggio e cubetti di pancetta croccanti

Patatine formaggio e cubetti di pancetta croccanti

Cena veloce insalatona

Cena veloce ed economica: 10 ricette facilissime

Hot dog con senape Negroni iStock

Come cucinare i wurstel: 5 metodi originali​

Pagnottielli, i panini napoletani

I Pagnottielli, la ricetta tradizionale campana

Tramezzino tagliato su tavolo ufficio

Pranzi da portare a lavoro: 5 ricette da gustare fredde​

Cena veloce in 10 minuti, le ricette facili

Cena veloce in 10 minuti, le ricette facili

Pasta amatriciana ricetta guanciale

Pasta all'amatriciana con guanciale, pecorino e peperoncino

Pinsa con bresaola, mele, maionese, Bitto e cipolla fritta

Pinsa con bresaola, mele, maionese, Bitto e cipolla fritta

FacebookFacebookFacebookFacebook