Foodies & sandwiches (or panini?)

Foodies & sandwiches (or panini?)

Lo avreste mai detto? I panini sono una possibile chiave di lettura (o indicatore) del mondo attuale degli appassionati di enogastronomia. Già, perché i protagonisti della rivoluzione silenziosa fotografata dalla prima ricerca sul mondo dei neoappassionati del food & drink voluta da Negroni, e realizzata dall’istituto GPF, sembrano essere tutti potenziali appassionati di panini.

Come a dire: se non vado al ristorante di tendenza, comunque un panino me lo faccio. O ancora: se non ho i soldi per una grattata di tartufo di sicuro li troverò per una buona fetta di salame, o prosciutto. O ancora, più semplicemente: non sono un gourmet specializzato (e non ho voglia e tempo da dedicare a guide e corsi di cucina) ma attraverso cose semplici, come un panino, posso anch’io godere il mio break gourmet.

Il “foodie” (questo è il nome affidato al profilo tipo studato dalla ricerca) è un appassionato del buon mangiare attento alla forma fisica, curioso, sperimentalista. Adora internet, legge libri, riviste di cucina e guarda i programmi dedicati al cibo in tv. Meno conservatore e tradizionalista a tavola, considera il mangiare “uno dei piaceri più importanti della vita”.

Secondo la mappa 3SC elaborata da GPF, i “foodies” si collocano nel quadrante dell’interesse per il sociale, assumendo un profilo d’impegno, d’amore per il nuovo, per l’arte e la letteratura.

Fortemente interessati – molto di più di quanto già non accada per i non foodies – alle cene fuori casa, alla qualità nel cibo e del vino, al turismo enogastronomico, alle trattorie e all’aperitivo/happy hour, al mangiare etnico e alla polisensorialità del cibo.
 Danno importanza all’impressione che ricevono guardando, toccando e sentendo il profumo del cibo. Sono attenti alla qualità e non si abbandonano agli eccessi. Non sono ipocondriaci e ansiosi, sempre a dieta. E non stanno sempre a contare le calorie contenute in ciò che mangiano. E, last but not least, hanno un vero debole per il salame (40,8%), per il prosciutto di Parma (40,5%), per lo speck (33,7%), per il prosciutto San Daniele (32,5%), per la mortadella (29,8%) e il culatello (22,7%).

E di questi “foodies” in Italia sembra ce ne siano (o forse è meglio dire “siamo”, n.d.r.) quasi 5milioni.

 

I panini Negroni

Tutte le idee, trucchi e segreti per rendere speciale un panino

panino farcito con bresaola, pomodorini gialli marinati, stracciatella e insalata

Cyber Bresaola, panino con bresaola, pomodorini gialli marinati, stracciatella e insalata

panino farcito con Salame Milano, melanzane fritte, mozzarella e basilico

Salamis: il panino con Salame Milano, melanzane fritte, mozzarella e basilico

Amigo con pane integrale prosciutto cotto, peperoni e provola

Amigo: panino con prosciutto cotto, peperoni grigliati e provola affumicata

Le ricette Negroni

Ricette con i wurstel

Ricette con i wurstel, le idee più gustose

Pranzo in spiaggia

Pranzo in spiaggia: le ricette fresche ed estive

Ricette estive veloci

5 ricette estive veloci pronte in 10 minuti

panino classico con prosciutto cotto

Panini con il prosciutto cotto, tutte le ricette | Negroni

Crocchette di pane e cubetti di cotto

Crocchette di pane e cubetti di cotto

Patatine arricchite con formaggio e cubetti di pancetta croccanti

Patatine formaggio e cubetti di pancetta croccanti

Cena veloce insalatona

Cena veloce ed economica: 10 ricette facilissime

Hot dog con senape Negroni iStock

Come cucinare i wurstel: 5 metodi originali​

Pagnottielli, i panini napoletani

I Pagnottielli, la ricetta tradizionale campana

Tramezzino tagliato su tavolo ufficio

Pranzi da portare a lavoro: 5 ricette da gustare fredde​

Cena veloce in 10 minuti, le ricette facili

Cena veloce in 10 minuti, le ricette facili

Pasta amatriciana ricetta guanciale

Pasta all'amatriciana con guanciale, pecorino e peperoncino

FacebookFacebookFacebookFacebook