Filosofia a fette: il panino che disseta o del salame di Montaigne

La ricetta della blogger è piena di ironia

Lei si chiama Simona e il suo blog Cheap and Kisch. Appassionata di food e comunicazione, scrive di cibo e organizza improbabili convivi virtuali con filosofi e politici, perché “il cibo supera il tempo, lo spazio e invita al dialogo, serio o semi-serio sulle cose del mondo…. e le cose del mondo che preferisco finiscono quasi sempre nel piatto, insieme all’ironia.”

Sarà proprio lei oggi a prepararci un panino… “filosofico”! Sì, questa volta, giochiamo con la filosofia e, per dirla con le parole della nostra ospite la “facciamo a fette”.

Ma lasciamo che sia lei ad introdurci questo panino…

Il panino che disseta - Negronetto

 Il salame fa bere. Bere disseta. Il salame disseta”. Oggi invito a pranzo il mio amico e filosofo Montaigne che sono convinta apprezzerà la provocazione: un panino mangia e bevi. Del resto i filosofi non sono tutti uguali, non lo sono i salami e nemmeno i panini. Non è così assurdo che il salame disseti, almeno nella mia cucina. Un’idea che farà saltare dalle sedie anche i cartesiani, le loro parrucche e  le loro logiche serrate.

Un panino adatto agli spuntini filosofici tutta sostanza.
Salame Negronetto e gelatina di vino (il trucco che disseta); in abbinamento ai profumi del pane di semola di grano duro, al sapido pecorino della Garfagnana  e alla freschezza discreta della misticanza.

Gli ingredienti seguono una precisa grammatica del gusto e si lasciano tentare dal citazionismo, in un percorso che invita al morso e a fare un giro in biblioteca per scoprire gli indizi disseminati nella ricetta. Il salame è l’ingrediente essenziale, ontologico ma come mai il pecorino della Garfagnana? E il vino Falerno? Ai posteri l’ardua sentenza.”

 

Ed ora… ecco la sua ricetta, tutta da scoprire!

Ingredienti e preparazione della gelatina di vino (circa 160 gr.)

  •  1 bicchiere di vino rosso Falerno del Massico D.O.C.
  • 3 cucchiai rasi di zucchero
  • 1 foglio di gelatina
  • 1 barattolo sterilizzato (se volete conservarla più a lungo)

In un pentolino dal fondo alto versate il vino e lo zucchero, fate bollire per circa 5 minuti, aggiungete la gelatina, precedentemente ammorbidita in acqua tiepida e continuate a mescolare ancora qualche minuto.

Prendete una piccola parte del liquido e fatela raffreddare in una ciotolina, per poterla consumare non appena si sarà solidificata (ci vorranno almeno 3 ore).

Il resto versatelo in un vasetto sterilizzato, chiudete ermeticamente con l’apposito coperchio e fatelo raffreddare capovolto. Una volta raffreddato avrete la vostra gelatina di vino a lunga conservazione, già pronta da utilizzare per le vostre preparazioni.

Non avrete bisogno di nient’altro. Godetevi il vostro panino che disseta.


 

Preparazione:

Prendete due fette di pane di semola di grano duro, adagiatevi una parte dell’insalata mista, il salame Negronetto tagliato a fette non troppo sottili, il pecorino, due cucchiaini di gelatina di vino Falerno e coprite con il resto dell’insalata.
 


Il panino che disseta - Negronetto

 

Prodotti Utilizzati

  • Negronetto Confezionato

Ingredienti

Ingredients: 
Ingredients List
2 fette di pane di semola di grano duro
80 gr di negronetto
30 gr di pecorino della Garfagnana
1 manciata di insalata mista, al taglio
2 cucchiaini di gelatina di vino Falerno del Massico D.O.C. rosso
Facebook Facebook Facebook Facebook

I panini Negroni

Tutte le idee, trucchi e segreti per rendere speciale un panino

Panino di segale con Speck, burro e crauti

Panino di segale con Speck, burro e crauti

Le ricette Negroni

Tramezzino con prosciutto cotto, uovo sodo e cetriolini 

Tramezzino con prosciutto cotto, uovo sodo e cetriolini

Stinco all’orientale con salsa di soia e frutta secca

Stinco all’orientale con salsa di soia e frutta secca

Cotechino con purè di zucca e lenticchie alla paprica

Stinco glassato al forno al miele con albicocche

Stinco al forno con zucca

Stinco al forno con zucca, patate e mandarini

Torta salata con zucca, mozzarella e prosciutto cotto

Tubettini con fagioli cannellini, timo e pancetta croccante

Tubettini con fagioli cannellini, timo e pancetta croccante

Risotto con Gran Cotechino, crema di zucca e pecorino

Risotto con Gran Cotechino, crema di zucca e pecorino

Gran Stinco glassato alla birra con frittelle di patate dolci

Gran Stinco glassato alla birra con frittelle di patate dolci