Grani antichi: arriva dal passato il nuovo modo di fare bene il pane

Profumi persistenti e qualità organolettiche eccellenti, i grani antichi sono la nuova frontiera del gusto del pane.

Un’attenzione sempre più rivolta alla genuinità dei prodotti ha introdotto nel vocabolario culinario di tutti i giorni alcuni nuovi termini. I grani antichi sono i grani più ricercati oggi riscoperti dal passato che si contrappongono alle varietà più moderne, ottenute da specifici programmi di miglioramento genetico.

I grani antichi, di cui sono fatti diversi pani regionali, provengono da specie italiane caratterizzate solitamente da piante a taglia alta che arrivano fino a 180 cm, con una resa media di sole 25 tonnellate per ettaro. Anche se la resa per ettaro nei grani antichi è ben inferiore rispetto alle specie moderne, si tratta di piante molto resistenti ai fattori climatici e infestanti con esigenze idriche e nutrizionali di gran lunga inferiori.

La storia

Per raccontare la storia dei grani antichi bisogna tornare indietro nel tempo, fino al 1915. Da sempre l’uomo ha coltivato e selezionato le migliori varietà di frumento per resa e gusto, ma proprio agli inizi del 1900, a tale selezione si sono sommate complesse tecniche di ingegneria genetica che hanno permesso un’accelerazione sensibile del processo di crescita e resa.

L’agronomo Nazareno Strampelli iniziò proprio nel 1915 ad incrociare le diverse varietà di grani presenti nel bacino del Mediterraneo e da questi innesti nacque la varietà denominata Senatore Cappelli.

L’iniziale intento di Strampelli era di matrice nobile: intuì infatti che, modificando il frumento tipico italiano e aumentandone così la resa, sarebbe stato possibile sfamare in modo autonomo la popolazione in difficoltà durante gli anni della Grande Guerra, e dunque ridurre l’impatto delle importazioni di grano sull’economia italiana. Purtroppo però, questa geniale intuizione mise in secondo piano le qualità organolettiche del frumento.

Le cosiddette varietà moderne ottenute furono piante a taglia bassa di circa 70 cm e molto produttive, arrivando a una resa media di 55 tonnellate per ettaro. Ancora oggi queste specie hanno però una minore resistenza alle avversità e un sapore meno intenso.

Grani antichi: arriva dal passato il nuovo modo di fare bene il pane

Il gusto

I grani antichi, rispetto a quelli moderni, sono più difficili da lavorare in panificazione poiché originano impasti meno elastici che tendono a “strapparsi”, ma le qualità organolettiche sono decisamente superiori. Le farine ottenute dai grani antichi si conservano più a lungo nel tempo e sono caratterizzate da un aroma e un profumo più profondi.

I grani antichi hanno un alto contenuto di fibre e un profilo aromatico persistente. Le qualità nutrizionali e sensoriali dei grani antichi sono preservate dalla macinazione a pietra naturale, che non sottopone la materia prima a surriscaldamento e ne preserva la componente aromatica.

I grani antichi più conosciuti e utilizzati

Timilia o Tumminia: grano duro antico proveniente dall'entroterra siciliano, dove è coltivato fin dal 1200. Con la farina di Tumminia si producono paste e pani dal colore scuro altamente digeribili.

Russello: grano duro antico dell'entroterra siciliano, il più antico della regione insieme al Tumminia. Ideale per la produzione di pane casereccio e prodotti da forno sia dolci che salati.

Senatore Cappelli: ottimo per la panificazione e per la produzione di pasta fresca. Questo grano, ottenuto dalle ricerche di Strampelli, non dovrebbe essere classificato come grano antico perché ottenuto da un innesto e non da una varietà unica e autoctona. Per convenzione però, tutte le varietà migliorate prima degli anni Quaranta sono considerate grani antichi. 

Nero delle Madonie: antichissimo grano siciliano recuperato solo negli ultimi anni, altamente digeribile e dal profumo intenso, dona alla mollica un caratteristico color caffelatte, particolarmente intenso nella variante integrale.

L’abbinamento

Il pane realizzato con i grani antichi assume un gusto nobile e tradizionale, l’abbinamento perfetto si ottiene con il Salame Negronetto Negroni, un salume saporito che piace a tutti!

Prodotti Suggeriti

  • Negronetto Confezionato

  • Negronetto l'originale

Facebook Facebook Facebook Facebook

I panini Negroni

Tutte le idee, trucchi e segreti per rendere speciale un panino

Panino con prosciutto cotto, carciofini e salsa allo yogurt

Panino con prosciutto cotto, carciofini e salsa allo yogurt

Le ricette Negroni

Panino con Negronetto e mousse di peperoni

Panino con Negronetto e mousse di peperoni

Toast con Negronetto e confettura di cipolle rosse

Toast con Negronetto e confettura di cipolle rosse

Frittata di maccheroni con cubetti di Pancetta

Frittata di maccheroni con cubetti di Pancetta

Erbazzone reggiano con cubetti di pancetta affumicata Negroni

Erbazzone reggiano con cubetti di pancetta affumicata Negroni

Wrap di pollo con petali di pancetta affumicata

Wrap di pollo con petali di pancetta affumicata

Canapè per l’aperitivo, le ricette da provare

Canapè per l’aperitivo, le ricette da provare

Piadina con Arrosto di Prosciutto alle Erbe e insalata di uva

Piadina con Arrosto di Prosciutto alle Erbe e insalata di uva

Medaglioni di Arrosto di Prosciutto alla Birra con patate novelle

Medaglioni di Arrosto di Prosciutto alla Birra con patate novelle

Panino croccante con Arrosto di Prosciutto alla Birra

Panino croccante con Arrosto di Prosciutto alla Birra